.

Ci sono 3 cose fondamentali per rimettersi in piedi:

Famiglia

Le amorevoli cure della famiglia sono fondamentali per accettare una nuova vita

Lavoro

Il lavoro riporta alla normalità, dà una regolarità alle giornate e permettere di riacquisire indipendenza

Sport

Sfidarsi con altre persone è una cosa che ci portiamo dietro da sempre, rinforza l’autostima

Quando si parla di disabilità il pregiudizio è come una montagna, con tanto sacrificio si riesce a scalarla.
Una staffetta di 130km a piedi in alta montagna. Perché?

L’UNIONE FA’ LA FORZA

La fascina, un concetto molto semplice. Un singolo ramo se sottoposto a flessione si rompe, la cosa cambia se i rami si uniscono in una fascina, questa non si rompe!

Performance

La percorrenza media per una persona amputata è più bassa di quella di una persona con due gambe sue, ci sono delle soste obbligatorie per l’asciugatura del moncone e dell’interno della protesi e lo stress fisico si fa sentire molto prima. 10 tappe, percorrenza media 13km.

+atleti = +voci

5 atleti diversamente abili provenienti da zone differenti equivalgono a ben 5 racconti di un’esperienza importante, vissuta in di(ver)sabilità sui sentieri di alta montagna. Amplifichiamo la nostra lotta al pregiudizio!

La divulgazione non avviene solo tramite lo sport

Abbiamo lanciato una raccolta fondi per la realizzazione di un documentario tramite la piattaforma Ulule. Potete collaborare attivamente alla realizzazione di uno strumento che sarà prezioso per la divulgazione. Il documentario verrà utilizzato in diversi modi, dalla serata-proiezione agli incontri tematici in scuole e/o istituzioni.

SOSTIENI IL DOCUMENTARIO!

Un documentario

Abbiamo lanciato una petizione sulla piattaforma Change.org indirizzata al Ministro delle Politiche Sociali. Un atleta disabile non può accedere veramente alle discipline sportive, nel mio caso il trail runnig, perché ci sono dei vuoti normativi nella tutela di organizzatori e atleti. Oltre 47.000 persone hanno firmato! E tu?

SOSTIENI LA PETIZIONE!

Una petizione

Chi sostiene il progetto
Una squadra in gamba

Francis Desandré

Il mio pensiero è fisso, voglio provare anche io le stesse emozioni dei runner di montagna, con i miei tempi ovviamente.
Il mio profilo

Moreno Pesce

Fare sport aiuta le persone, siano essi disabili o no. La mente, il corpo e l’anima hanno bisogno di queste sensazioni.
Il mio profilo

Fabienne Sava Pelosse

Ho scoperto di poter superare notevolmente i limiti che avevo prima di scegliere di farmi amputare.
Il mio profilo

Lino Cianciotto

Non ho alcun timore a mostrare la mia gamba amputata, anzi, spesso chi mi circonda a volte non se ne accorge nemmeno.
Il mio profilo

Massimo Cavenago

Non ho mai pensato all’amputazione come una disabilità, piuttosto ad una rinascita, una nuova opportunità di vivere la mia vita.
Il mio profilo

L’unico handicap nella vita è avere un atteggiamento negativo.